Usiamo i cookie per rendere possibile il corretto funzionamento di alcune funzioni. Utilizzando il nostro sito, accetti le nostre modalità di utilizzo dei cookie.

LE SETTE SORELLE DEI SIBILLINI..

 

Dai comuni di Montemonaco a Montegallo, che si trovano a breve distanza da Arquata del Tronto, sarebbero state realizzate nel Medio Evo sette chiese che, viste dall'alto, ricalcano la costellazione della Vergine Maria.
 
Si tratta quindi di sette chiese dedicate alla Madonna; ognuna di queste si trova in un particolare punto dei Monti Sibillini e in queste strutture si rispecchia  proprio perfettamente la costellazione della Vergine, in quanto,  per la loro posizione geografica, formano una "copia" esatta della posizione delle stelle della Costellazione. 
 
Ecco le chiese che formano questo incredibile meraviglioso “disegno”:
 
1)     Santa Maria in Pantano (che corrisponde anche alla Spica, la stella principale della costellazione)
2)     Santa Maria in Lapide 
3)     Santa Maria dell'Ambro
4)      Santa Maria in Casalicchio
5)      Santa Maria delle Cona, 
6)     Madonna delle Gee 
7)     Santa Maria di Foce. 
 
Vedremo nel corso dei prossimi giorni dove sono localizzate queste chiese e analizzeremo la loro storia..per ora immaginate questo: tracciando un’immaginaria linea tra queste chiese si può vedere un trapezio, copia delle stelle che formano la Costellazione della Vergine. La particolarità? Tutte le chiese sono dedicate proprio alla Vergine Maria. 
 
Il merito della scoperta va alla ricercatrice ascolana Giuliana Poli., antropologa e studiosa di tradizioni locali, che ha riportato all’attenzione una memoria popolare che rischiava di andare persa. 
 
Le chiese sono di fondazione medievale e, secondo la teoria, sorgerebbero direttamente sui siti già occupati in precedenza da sette templi in cui vivevano profetesse legate al culto della Sibilla.
 
Ecco cosa ha dichiarato in alcune interviste la ricercatrice: «Sono giunta a questa scoperta  compiendo oltre un centinaio di interviste a persone anziane che vivono nella zona dei Monti Sibillini. Ero alla ricerca di tradizioni riguardanti il sacro e il profano come assistente dell'antropologo e archeologo Mario Polia. Nella frazione Colle Luce di Montegallo un'anziana donna mi ha rivelato la storia delle "sette sorelle" che poi sarebbe stato oggetto di studio per oltre un anno. Ho rilevato che la costellazione della Vergine si identifica con le sette chiese mariane dedicate tutte a Santa Maria. C'è un sincretismo tra la figura della Madonna con la Sibilla, come figura divinatrice».
 
Se volete avere maggiori informazioni, leggete il libro della stessa Giuliana Poli: L’antro della Sibilla e le sue sette sorelle, edizioni Controcorrente, Napoli, 2008
 
Speriamo di avervi suscitato interesse e curiosità…
Il Viaggiatore
Italian Tourism Expo
Slow Tourism