Usiamo i cookie per rendere possibile il corretto funzionamento di alcune funzioni. Utilizzando il nostro sito, accetti le nostre modalità di utilizzo dei cookie.

Osteria di Nonna Nina

“Dove mi consiglia di andare a mangiare?” Questa è una delle tipiche domande che un turista fa generalmente ad un cittadino locale. Sempre più si ricerca la cucina tradizionale, spontanea, genuina e sicuramente più buona di tanti fast food o ristoranti generici..

E ad Ascoli Piceno questa domanda è sempre più frequente. Aumentano sempre più i turisti ed aumenta sempre più il desiderio di mangiare bene! E oggi, se ci dovessero chiedere in questo preciso momento dove potremmo suggerire di andare a mangiare qualcosa di buono, sicuramente avremmo l’imbarazzo della scelta! Ogni ristorante, trattoria o osteria del posto è particolare, unica, buona e genuina, quindi è difficile poter mangiare male ad Ascoli Piceno.

Ma poi c’è un posto che ci viene in mente, sempre, ogni volta che riflettiamo su questa domanda. E sempre più spesso la risposta è “l’Osteria di Nonna Nina”.

Partiamo dall’inizio. Dove si trova l’Osteria di Nonna Nina? In pieno centro storico! Se state visitando Ascoli Piceno sicuramente avrete visitato la splendida Piazza Arringo, la piazza della Cattedrale e del Battistero. Bene, avendo di fronte a voi proprio il Duomo, prendete la sinistra, camminate per neanche 200 metri e vi ritroverete in una Piazza, ahinoi, con delle macchine parcheggiate. Ecco, nell’angolo destro della Piazza, all’angolo, vedrete delle tende rossastre.. quella è l’Osteria di Nonna Nina. Un luogo raccolto, intimo, con sedie e tavoli in legno, musica d’atmosfera e due proprietari semplicemente squisiti. Lei, la chef del ristorante, cucina piatti tipici della tradizione in quantità abbondantissime e di altissima qualità. Lui racconta ogni singola portata, spiegando dove è stato preso il prosciutto, come viene fatta in casa la pasta e rendendo il pranzo o la cena un’esperienza ancora più indimenticabile. Si, la pasta è fatta in casa, nel menù una sezione molto importante è dedicata al tartufo delle nostre zone e ogni piatto rimanda ovviamente alla tipica cucina picena.

Il nome deriva proprio da Nonna Nina, l’antica proprietaria dalla quale è partito questo sogno che oggi ha reso l’Osteria in una delle più rinomate del centro storico. Davvero, è sempre una scelta azzeccata!

Il luogo perfetto per una coppia, per un ristretto gruppo di amici, ma allo stesso tempo anche il  posto ideale per chi cerca una cena aziendale. Da alcuni mesi, infatti,  è possibile prenotare una sala privata, chiusa al pubblico, con bagno e collegamento interno alla cucina. Divanetti, televisione per powerpoint e una tranquillità unica per rendere la cena ed il meeting semplicemente perfetti!

Noi mangiamo spesso li e il piatto che suggeriamo sempre, oltre a una qualsiasi pasta fatta in casa suggerita dai proprietari, è sicuramente l’occhio di bue, l’uovo al tegamino con scaglie di tartufo nero davvero incredibili. Da bere il vino della casa è la soluzione migliore! A fine pasto non manca poi mai un bicchiere di Anisetta ed una chiacchierata con i proprietari che sono sinceramente interessati a sapere se avete apprezzato la cena o il pranzo. D’estate, poi, con i tavolini all’aperto, diventa ancora tutto più magico.

Un'altra chicca.. Ogni stagione si cambia!  L'immagine che vedete qui di seguito è un piatto di ravioli con ripieno di gallina e pecorino, che potrete trovare solo ed esclusivamente a Carnevale. Al di là di dirvi che ovviamente questa pasta è la fine del mondo, il concetto è che presso l'Osteria di Nonna Nina tutto cambia a seconda del periodo della stagione, per potervi offrire solo ed esclusivamente i piatti migliori!Abbiamo portato due food blogger finlandesi, che sono rimasti sconvolti dalla passione dei proprietari e dalla cura di ogni piatto.

Il suggerimento che vi diamo è di prenotare, sempre, perché i posti a sedere non sono infiniti e il ristorante è sempre apprezzato, sia dai locali che dai turisti.

Fidatevi di noi, non ve ne pentirete..

Il Viaggiatore
Italian Tourism Expo
Slow Tourism